Sgomberiamo il campo da equivoci: la stampa digitale non centra nulla col web o con gli schermi LED. Vi spieghiamo cos’è e le differenze con la stampa offset

Qtecno

La stampa digitale, con l’aumento esponenziale della tecnologia applicata e della conseguente precisione delle macchine, sta conquistando quote di mercato sempre più vaste a dispetto della stampa offset.

Tuttavia, per molti, il termine “stampa digitale” ha a che vedere con concetti tra i più vari, come schermi a led, stampa da web, documenti in formato elettronico.

Niente di tutto questo: la stampa digitale è una delle due tipologie per eccellenza utilizzate per la produzione di prodotti cartacei.

Per spiegarne il reale significato, partiamo dalla differenza con la stampa tradizionale, definita offset. Quest’ultima, in termini semplificati, si avvale di una lastra matrice che, attraverso dei cilindri, produce la stampa vera e propria, mentre dei rulli distribuiscono l’inchiostro. In altre parole, il meccanismo di stampa è indiretto, in quanto servono più passaggi dalla macchina alla carta per arrivare alla stampa finale. I macchinari per la stampa offset, generalmente, sono complessi e costosi, e richiedono una capacità tecnica di utilizzo non indifferente.

La stampa digitale ha abbattuto la complessità di utilizzo delle macchine offset e, soprattutto, ha abbattuto tempi di produzione e costi per le piccole quantità. In questa casistica, è la macchina che stampa direttamente su carta, senza passaggi intermedi costituiti da lastre, rulli e cilindri.

Un esempio pratico lo vedete nelle vostre case o in ufficio: tutti voi avete sicuramente provato sia delle stampanti a getto d’inchiostro (quelle in cui cambiate le cartucce, per intenderci), sia a toner (quelle delle fotocopiatrici da ufficio), in cui ad essere sostituito è, per l’appunto, il toner.

A livello professionale, come nello stabilimento di Qtecno, si usano delle vere macchine da stampa digitale che funzionano ad incisione laser oppure a getto d’inchiostri e sono grandi a volte anche quanto una macchina da stampa a offset. La precisione di questi strumenti di stampa è altissima, e la tecnologia si abbina spesso alle esigenze del mondo digitale. Senza contare che alcuni macchinari stampano anche su plastica e pvc.

Ora qualcuno potrebbe, giustamente, chiedere: la stampa a offset è morta? Assolutamente no, e per questo la utilizziamo anche noi quando le esigenze lo richiedono: stampare piccoli formati e grandi quantità del medesimo soggetto, ad un tempo molto più rapido rispetto al digitale, sono qualità che premiano ancora la stampa tradizionale.

Secondo la consuetudine, la stampa offset ha una qualità superiore rispetto al digitale. Per altri, l’evoluzione tecnologica legata a quest’ultima tipologia, ha praticamente appianato ogni differenza.

Noi non ci schieriamo, ma siamo sicuri di offrire sempre la giusta soluzione per ogni evenienza e particolarità. A vantaggio dell’interesse del cliente.